Tour della musica negli Stati Uniti

La musica americana è stata per tantissime persone molto più che un semplice intrattenimento. Ci sono diversi cantautori che hanno fatto la storia non solo per gli Stati Uniti, ma anche per l’intero mondo. Numerosi sono infatti gli appassionati che vogliono scoprire i lati nascosti e tutte le curiosità su di essa. Ecco perciò l’opportunità vantaggiosa di fare un tour della musica negli Stati Uniti. Ci si può immergere nelle storie e in tutti i miti e leggende, oltre che i protagonisti più famosi. L’esperienza di viaggio più bella e che fa attraversare mete imperdibili come quelle sulle sponde del fiume Mississippi. Arrivando a New Orleans e Memphis fino a giungere a Nashville. Ecco dunque qualche consiglio per essere certi di vivere un viaggio differente e particolarmente suggestivo.

Le tappe alla scoperta del jazz

Un tour della musica negli Stati Uniti non può che essere una di quelle esperienze dense di emozioni. Anche chi non è particolarmente appassionato non potrà rimanere indifferente di fronte ad alcuni posti speciali degli USA. Uno dei tipi di musica più diffuso nei vari paesi degli Stati Uniti è senza dubbio il jazz. Esso infatti si lega a doppio filo con le tormentate storie degli afroamericani e del razzismo nei loro confronti sugli inizi del Novecente. Il genere jazz nasce proprio nelle comunità afroamericane dei paesi meridionali degli Stati Uniti. Tra le caratteristiche principali si può parlare dell’improvvisazione e soprattutto del tipico ritmo swing. Proprio questo dà vivacità alle canzoni che non sono mai banali. Il jazz nasce da un incontro tra una serie di tradizioni musicali europee e alcune africane con contaminazioni che hanno garantito un risultato eccezionale. Attenzione però a non confondere il jazz con il blues, un errore alquanto comune dato che entrambi derivano dalle zone meridionali del Mississippi. Il jazz infatti si basa molto di più sugli strumenti musicali dando così un ritmo del tutto strumentale con saxofono che la fa da padrone. Vale la pena parlare che il jazz affonda le sue radici in alcune città del nord come Chicago e New York, mete ideali per chi vuole fare un tour della musica degli Stati Uniti. Tale genere spontaneo nasce letteralmente dall’anima del musicista e riesce a trasmettere in modo efficace anche le preoccupazioni e difficoltà del mondo circostante. Anche Atlanta è una delle città dove il jazz si è diffuso moltissimo nel corso dei decenni scorsi. Questa metropoli è particolarmente nota per essere la città natale di Cee Lo Green, Ciara, Lil Wayne e Bruce Hampton, giusto per fare qualche nome. Uno degli elementi più caratteristici di Atlanta è il fatto di essere la sede di una manifestazione di jazz che entra pieno titolo tra le più famose al mondo: l’Atlanta Jazz Festival. Si tratta di un evento che attira ogni anno migliaia di appassionati accomunati dall’amore per il genere musicale.

La bellezza della musica country

La musica americana può contare su alcuni generi unici e che difficilmente si possono trovare in altre zone del mondo. Il country è un ottimo esempio, nato verso la fine dell’800 e raccoglie tutte le varie produzioni di musiche popolari. Esse fanno tendenzialmente riferimento alla vita dei coloni giunti da ogni parte del mondo, una sorta di vero e proprio diario. Dunque si parla di un genere “di importazione” in cui vengono usati strumenti a corda. Questo tipo di musica country era un po’ il contrappunto alla musica blues e a quella jazz. I contadini bianchi del sud avevano particolarmente a cuore questo genere che col tempo è andato diffondendosi alla grande. Un genere che in poco tempo ha superato i confini mescolandosi anche ai vari generi presenti in America. Nashville è la città ideale per chi vuole scoprire la storia di questo tipo di musica dato che divenne prima un centro di aggregazione per gli artisti, fino ad essere una zona di distribuzione. Questa è nota come la città della musica anche perché qui si trova la sede di un programma radiofonico di musica countru molto famoso. Oltre a considerare che qui vi è anche la sede della Country Music Hall of Fame e di tante altre case discografiche. Qui non mancano le fiere e i tanti eventi a tema musica country che permettono di ascoltare uno dei generi più in voga in America. A Nashville vi è anche il Tennessee State Museum dove non mancano di certo i collegamenti tra la travagliata e particolare storia della regione correlata con quella musicale.

Memphis e il blues

Impossibile non pensare alla splendida musica blues quando si parla di musica americana. La patria di questo genere è senza alcun dubbio Memphis, lì dove si stabilisce il vero e proprio fulcro della musica tipica degli Stati Uniti. Tante sono le esibizioni dal vivo di musica blues che si possono ascoltare per le strade di Memphis: Beale Street è la principale dove si possono trovare in svariati angoli artisti che suonano e cantano. Immancabile poi una visita a Graceland, a tutti nota per essere la cittadina dove c’era la residenza di Elvis Presley. Oltre a dover considerare che chi ama la musica potrebbe scegliere di visitare lo spettacolare Rock & Soul Museum o anche lo Stax Museum of American Soul Music. Qui c’è tanto da vedere per gli innamorati della musica che potranno visitare la fabbrica delle chitarre Gibson, quelle utilizzate da tantissimi musicisti nel corso dei decenni. A Memphis c’è anche il Sun Studio, luogo che ha dato i “natali” da un punto di vista musicale a leggende come Elvis o Jerry Lee Lewis.

La spettacolare musica blues

In tema di musica americana, fare riferimento al blues è letteralmente d’obbligo. Questa forma musicale è sia vocale che strumentale e ha una struttura originale in quanto si articola in una serie di dodici battute ripetitive. Senza dimenticare che vengono usate molto le “blue note” per cui si può dire che deriva effettivamente dai poveri americani. Gli schiavi afroamericani furono i primi a cantare nei campi creando questo genere musicale che contribuì alla popolarità delle Cotton Belt, le comunità di queste persone. Bisogna anche specificare che il genere blues ha una struttura antifonale. New Orleans è la località principale per poter scoprire tutte le particolarità di questo tipo di musica. Le ore notturne segnano l’inizio di una vita vera per la città dato che c’è Bourbon Street che ha locali aperti fino all’alba dove ascoltare musica blues dal vivo. Non mancano anche locali dove poter ascoltare i più disparati generi come la musica cajun e zydeco, oltre a rock, blues, jazz e country. Gli amanti della musica perciò non avranno alcuno modo di annoiarsi durante la loro tappa a New Orleans.