Le Maldive sono famose per essere il sogno di tutti: un arcipelago di più di 1200 atolli di sabbia finissima circondati da acqua cristallina e barriere coralline.

Molti le sognano per la propria luna di miele, altri semplicemente per lasciarsi alle spalle la stagione fredda occidentale e andare incontro a un vero e proprio paradiso terrestre.

Sicuramente ogni occasione è buona per visitare almeno una volta nella vita questa meta incantevole.

Quando andare: il periodo migliore per le Maldive

Maldive

Qual è il periodo migliore per andare alle Maldive? Questa è una delle domande che più ci viene posta ed è per questo che abbiamo deciso di rispondere qui in questo articolo.

Le Maldive si trovano nell’Oceano Indiano a Sud – Ovest dell’India. In questa posizione le isole godono di un clima equatoriale che le rende visitabili in qualsiasi periodo dell’anno, l’acqua infatti è sempre calda e le sue temperature si aggirano tra i 28°C e i 34°C.

Nonostante questo, il periodo ideale (e più gettonato) va da Dicembre ad Aprile perché è la stagione più secca e il periodo in cui da noi fa più freddo e, quindi, il desiderio di concedersi una pausa tropicale sorge più spontaneamente.

In questi mesi, inoltre, è più raro che si scatenino temporali feroci e le piogge che si manifestano sono generalemente deboli e brevi.

La stagione umida delle Maldive, invece, va da Maggio a Novembre.

 

Consigli di viaggio alle Maldive: dove andare, cosa fare e cosa vedere

Abbiamo detto che le Maldive sono un arcipelago di 1200 atolli, quindi la domanda solitamente sorge spontanea: qual è l’isola migliore dove andare?

Come sempre questo dipende dalle vostre esigenze.

Per chi ama la cultura o la vita notturna consigliamo Malé, la capitale delle Maldive, che unisce spiagge bellissime alla vita più urbana che si possa trovare nell’arcipelago.

Infatti qui è facile trovare musei, centri d’arte ma anche discoteche, locali notturni e sicuramente una varietà più ampia di alloggi tra cui scegliere.

Per chi sogna di ammirare la barriera corallina, invece, consigliamo Addu Atoll, meta perfetta per coloro che amano il mare e desiderano cimentarsi negli sport acquatici, specialmente nello snorkeling.

Per le coppie e le famiglie o per chiunque desideri tutte le comodità possibili, suggeriamo Lhaviyani Atoll, ricco di resort e hotel di lusso che vi consentirà di godervi un ambiente di totale relax.

Chi è alla ricerca di un’isola incontaminata, invece, dovrà puntare sull’atollo Vaavu, selvaggio quanto basta per cercare un po’ di avventura.

9 cose da fare alle Maldive assolutamente

Ecco alcune delle cose da fare alle Maldive per goderti pienamente lo spirito di questo luogo meraviglioso.

1. Godersi una SPA da sogno

Ingredienti esotici come cocco e papaya, massaggi rilassanti doposole o anti jet-lag e non solo caratterizzeranno il vostro momento benessere in una delle SPA da sogno che troverete nelle magnifiche strutture di queste isole.

Inoltre potrete fare yoga con vista sulle lagune e sedute di meditazione al tramonto.

Dimenticarsi delle preoccupazioni di tutti i giorni sarà davvero un gioco da ragazzi!

2. Nuotare con uno squalo

Le autorità delle Maldive hanno deciso di tutelare gli squali che vivono nelle acque dell’arcipelago rendendo illegale la caccia di queste specie. Questo provvedimento ha trasformato queste isole in un vero e proprio santuario marino.

Per i più coraggiosi, allora, il modo migliore per ammirare queste maestose creature acquatiche da vicino è quello di immergersi in uno dei tanti siti subacquei maldiviani.

In queste acque cristalline è possibile avvistare tutto l’anno squali martello, squali grigi e squali balena.

 

3. Fare le migliori immersioni subacquee del mondo

Grazie al clima tropicale, all’eccellente visibilità subacquea e a una temperatura dell’acqua che si aggira tra i 26 e 30 °C tutto l’anno, le Maldive sono uno dei luoghi più in voga al mondo per gli amanti del mondo sottomarino. Segnatevi questi nomi: Rashdoo Maldivarum e Dhidhdhoo Beyru. Sono due tra i punti di immersione più famosi al mondo.

 

4. Godersi una cena nei ristoranti dalle location uniche

Sapevate che alle Maldive è stato aperto il primo ristorante sottomarino del mondo e qui si trovano idilliaci ristoranti “galleggianti” posizionati su panoramici moli di legno?

La cucina maldiviana mostra spesso influenze provenienti da India, Malesia ed Europa e nel menù non mancano mai, ovviamente, pesci freschi dell’Oceano Indiano: dal tonno delle Maldive, al tonnetto striato, al mahi-mahi e non solo.

Tra le tante delizie del posto che potrete assaggiare in location fa favola le più celebri sono il Mas huni (pesce tagliuzzato e affumicato) e il Mas finhunu (pesce alla brace con peperoncino).

5. Partecipare a un’escursione in dhoni

Grazie alle caratteristiche barche Dhoni (un tipo di imbarcazione a vela tra le più antiche), è possibile spostarsi tra atolli o partecipare a escursioni organizzate.

Gli amanti della pesca potranno, ad esempio, passare il pomeriggio pescando con lenza e canna apprendendo le tecniche locali (la pesca a rete è illegale alle Maldive) e potranno finire in bellezza gustando il pescato con un barbeque su una delle isole deserte.

Da non perdere anche le escursioni per osservare delfini!

6. Andare alla scoperta delle barriere coralline

Gran parte della bellezza delle Maldive si trova sott’acqua, dove si snodano affascinanti barriere coralline popolate da una moltitudine di abitanti dei colori dell’arcobaleno.

Qui si trovano alcuni dei pesci più straordinari del mondo come il pesce scorpione, il pesce pappagallo blu, il pesce unicorno e il celebre pesce pagliaccio.

Non servono immersioni subacquee per poter ammirare Nemo nel suo habitat: basterà una semplice sessione di snorkelling adatta a tutti!

7. Fare esperienze uniche sott’acqua

Ve ne accennavamo qualche riga sopra, il Conrad Maldives Rangali Island vanta un suggestivo ristorante sottomarino dove cenare immersi in dai colori dei fondali maldiviani.

All’Aquum Huvafen Fushi, invece, è possibile trovare un fantastico centro benessere situato interamente sotto la superficie dell’acqua.

8. Visitare la capitale delle Maldive

La città di Malé è una delle capitali più piccole del mondo, ma non per questo priva di carattere: passeggiando per le tante stradine strette e coloratissime si respira davvero un’aria piacevole e vivace.

È qui che si trova la più antica moschea delle Maldive, la Grande Moschea del Venerdì (una struttura in pietra corallina con intagli risalente al 1656).

Inoltre ti consigliamo di visitare il National Museum che offre uno scorcio della insolita storia delle isole, esponendo abiti, utensili e armi appartenuti ai sovrani, oltre a interessanti esemplari di opere tradizionali in legno laccato.

Infine merita una visita anche la National Art Gallery che ospita mostre periodiche di arte maldiviana.

9. Godersi le attività proposte dai resort

Ogni resort offre programmi di intrattenimento con esibizioni di ogni tipo, spettacoli sulla spiaggia e show con luci laser.

Alcuni resort offrono anche corsi di pittura e altri, come il Finolhu, di fotografia professionale.

Il Soneva Fushi Resort, ad esempio, vanta anche un osservatorio e un cinema sulla spiaggia.

Dove alloggiare alle Maldive: resort o guest house?

Maldive

Dopo aver scelto l’isola che fa più per voi è ora di scegliere dove alloggerete.

Per decidere dove soggiornare alle Maldive, innanzitutto dovete immaginare che tipo di struttura ricettiva preferireste, anche in base al vostro budget.

Il sogno di chi decide di partire per le Maldive di solito è ambientato in resort di lusso, magari tra quelli popolari ormai su Instagram e Youtube.

Negli ultimi anni, però, stanno esplodendo anche le Guest House per accontentare viaggiatori “fai da te” con prezzi più contenuti e sistemazioni indipendenti.

Tipicamente i resort offrono suites costruite come delle palafitte per avere accesso diretto alle acque color smeraldo. Le stesse camere di solito dispongono di piscine e terrazze private a ridosso del mare.

Questi resort offrono ogni tipo di servizio di lusso, dalla palestra al corso di yoga, alle moto d’acqua o l’organizzazione di attività per scoprire le perle del luogo. Sicuramente la parola chiave è lusso e comprende ristorazione e servizi top di gamma.

Al contrario, le guest house permettono di stare più a contatto con i locals e di vivere un’esperienza completa a una fascia di prezzo più modesta, sostenendo le attività di maldiviani invece che di imprenditori internazionali.

Barefoot Eco Hote: l’hotel alle Maldive attento all’ambiente

Il Barefoot Eco Hotel si trova a Hanimadhoo Island, a circa 45 minuti di volo interno dall’aeroporto internazionale di Malé più 15 minuti di auto.

Al suo interno si trovano solo 52 camere. “Less is More“, infatti, è la filosofia con cui il management italo – svizzero ha intrapreso questo progetto rivolto ad una clientela attenta e rispettosa a tematiche ambientali.

Si tratta di un piccolo hotel ecosostenibile con grande attenzione per l’ambiente.

l ristorante della struttura utilizza solo ingredienti e pesce fresco locale per supportare la comunità dell’isola.

Hanimadhoo Island, inoltre, è un’ottima meta dove soggiornare.

Le Maldive in questi anni sono cambiate e il concetto di isola privata non è più l’unica opzione da scegliere. Un nuovo modo di vivere queste isole è quello di farlo in una delle più belle isole dove la vegetazione lussureggiante, le lunghe spiagge e una laguna turchese faranno da sfondo alle vostre vacanze.

Qui, inoltre, troverete un tranquillo villaggio di pescatori con 2.000 abitanti dove la vita scorre ancora come un tempo e dove potrete entrare in contatto con gli usi e i costumi locali.

Alimathà Resort: la soluzione più adatta alle famiglie

Il villaggio Alimathà si estende sull’intera isola omonima a non molta distanza dalla linea dell’equatore.

Dista circa 65 km dall’aeroporto di Malé e il trasferimento in barca dura circa 1 ora e 30 minuti.

Questa struttura è particolarmente adatta alle famiglie perché dispone di family bungalow che possono ospitare fino a 6 persone e punta tutta l’attenzione necessaria su bambini e teenager.

Sul posto, inoltre, troverete un buon ristorante che offre cucina italiana.

L’Alimathà Resort dispone di una spiaggia di sabbia finissima lambita dalle splendide acque dell’Oceano Indiano e circondata da una barriera corallina tutta da scoprire grazie alle divertenti uscite di snorkeling o le suggestive immersioni organizzate.

Le vostre giornate trascorreranno tra il mare, il sole e l’ombra di alte palme tropicali dove posizionare i vostri lettini da spiaggia quando avrete troppo caldo.

Potrete rimanere in riva al mare, raggiungere la barriera corallina a nuoto, scegliere di praticare sport acquatici come windsurf, canoa, beach volley, beach tennis, ma anche bocce, ping – pong e calcio balilla. Inoltre avrete a disposizione una palestra, un’area attrezzata per allenamento all’aperto, un campo da calcio a 5 e campo in erba sintetica per il tennis.

Il resort, infine, mette a disposizione degli ospiti anche un’area TV, un’area dedicata ai bambini e ai teenager e un servizio medico.

Viaggio alle Maldive: cosa non dimenticare

Oltre al passaporto, ai documenti di viaggio, alla/e carta/e di credito e all’abbigliamento adatto, la lista delle cose da non dimenticare per un viaggio alle Maldive è assai lunga.

Ecco alcuni indispensabili:

  • occhiali da sole,
  • protezioni solari,
  • macchina fotografica,
  • caricabatterie,
  • adattatore di corrente.

In alte parole, fate mente locale di tutto ciò che potrà servirvi per evitare di doverlo comprare in loco spendendo molto di più.

Anche gli appassionati di immersioni devono prestare molta attenzione a tutto quello che può servire per soddisfare al meglio la propria passione. Nonostante i resort dispongano di tutto l’occorrente per il diving e lo snorkeling, i sub più esperti in genere hanno le proprie preferenze in fatto di modelli e materiali da utilizzare.

Cosa non fare alle Maldive: due consigli da non dimenticare

Giusto due consigli per vivere le vostre vacanze alle Maldive in maniera tranquilla evitando qualsiasi tipo di problema.

Non vestire in abiti succinti

I maldiviani sono tutti musulmani.

La dialettica tra laicità e religione su queste isole è diversa da quella cui siamo abituati nei paesi occidentali.

Scollature anche appena accennate e più in generale abiti troppo casual, possono generare incomprensione con la gente del posto.

Nei resort c’è molta più tolleranza, anche rispetto al consumo di alcolici ma chi desidera approfondire usi e costumi locali curiosando in giro, farà bene a tener conto delle cose appena dette.

Per il resto, niente paura. I maldiviani sono allegri e assolutamente ben disposti coi turisti.

Non dare da mangiare ai pesci

Un paradiso naturalistico come quello delle Maldive va assolutamente tutelato.

Alcune prescrizioni sono facilmente intuibili, tipo non lasciare rifiuti sulle spiagge o, peggio ancora, in mare. Altri, invece, meritano di essere spiegate poiché, all’apparenza, può sembrare di non star facendo niente di male. Come, ad esempio, dar da mangiare ai pesci.

Il motivo è semplice: gettare cibo in acqua o anche immergersi con un pezzo di pane (o altro alimento) quasi sempre scatena tra i pesci una frenesia alimentare impossibile poi da gestire. Senza tralasciare, poi, il fatto che in questo modo potrebbe capitare di imbattersi in specie potenzialmente pericolose. Per esempio, all’interno delle barriere coralline nuotano piccoli esemplari di squalo che, pur essendo assolutamente innocui, non vanno in alcun modo sollecitati.

In generale, comunque, è meglio non toccare niente, anche spugne, coralli e stelle di mare se non dopo un consulto con qualcuno del luogo (guide e istruttori se si sta praticando diving o snorkeling).

Noi vi abbiamo avvisati!

Maldive, consigli utili per il tuo viaggio: organizzate le vacanze con un tour operator

Per organizzare un viaggio alle Maldive sicuramente l’opzione più comoda è creare un pacchetto all-inclusive, seguendo le vostre preferenze, con un tour operator.

Questa è l’opzione migliore perché permette di prenotare tutto ciò che desiderate in un colpo solo e con la certezza che nulla andrà storto… E se dovesse capitare un imprevisto sarete in ottime mani, seguiti e mai lasciati soli!

Oggigiorno, infatti, con la situazione pandemica è ancor più complicato sentirsi sicuri di poter partire e di riuscire a tornare: ottenere il TRAVEL PASS con un viaggio fornito da un tour operator vi toglierebbe da qualsiasi problema!

Noi vi aspettiamo nei nostri uffici di Genova e Savona per aiutarvi a realizzare i vostri sogni: contattaci e faremo il nostro meglio per rendere il vostro viaggio perfetto e indimenticabile!

Ricordatevi che siamo delle specialiste nell’organizzazione dei viaggi di nozze, se siete interessati a organizzare una luna di miele da sogno in questa meta magica, chiamateci e saremo pronte ad preparare tutto in base al vostro budget, gusto e desiderio!

A questo punto, prima di concludere questo articolo, vogliamo mettervi un dubbio: meglio Maldive o Polinesia francese?

Due brevi informazioni: le Maldive sono raggiungibili anche con voli diretti in circa 8 / 9 ore, mentre per arrivare in Polinesia Francese le ore di viaggio non sono meno di 30, scali inclusi.

Il mare è incredibile in entrambe le mete, alle Maldive farete snorkeling tra gli squaletti di barriera a pinne nere, in Polinesia invece troverete anche squali limone, squali dalle pinne bianche e squali grigi, insomma molti di più e più grandicelli.

Leggete il nostro articolo per trovare tutte le informazioni necessarie a fare la vostra scelta e, già che ci siete, date un’occhiata anche i nostri consigli per valutare la meta migliore per voi tra Seychelles, Mauritius, Maldive o Madagascar.